martedì 1 ottobre 2013

Caronsei o casoncelli

La ricetta dei caronsei  è una tradizione che appartiene alla nostra zona, la Valle Camonica. In ogni paese si fanno ed è il piatto principe di ogni sagra estiva di paese. Praticamente ogni famiglia ha la sua ricetta che può essere anche molto diversa negli ingredienti: c'è chi mette l'arrosto, chi gli amaretti o addirittura il caffè. 
Io ho scelto di fare la ricetta della mia famiglia, quei ravioli che la nonna preparava alla domenica aiutata da noi bambini chiassosi e alla fine tutti infarinati!
La nonna non aveva tanti robot, lei faceva tutto a mano e secondo me il gusto ci guadagna perché il mixer alle volte destruttura gli ingredienti e li scalda cambiando il gusto finale. Mi sono permessa di usare il trita carne a manovella e la sfogliatrice a mano, noi non tiriamo con il mattarello la sfoglia ma con la famosa macchinetta che un tempo regalava la nonna al matrimonio, anch'io l'ho ricevuta. Non esiste una ricetta vera e propria la nonna faceva a occhio, io ho provato a pesare gli ingredienti ma le dosi restano comunque indicative.

Ingredienti:
Per il ripieno
  • 500g di pane secco
  • 600g di latte tiepido
  • 200g di formaggio stagionato un po' salato grattugiato
  • 200g di grana grattugiato 
  • 5 uova
  • 200g di erbe biete
  • 200g di mortadella
  • 200g di prosciutto cotto
  • un pizzico di spezie miste in polvere
  • sale qb
  • 50g burro di buona qualità 
  • un pezzo di porro
Per la pasta
  • 1kg di farina 0
  • 5 uova
  • acqua qb (uova +acqua=500g)
  • 20g olio evo
Per condire
  • 100g di burro
  • uno spicchio di aglio
  • un ciuffetto di salvia
Si comincia la sera prima a fare il ripieno così durante la notte tutti gli ingredienti hanno modo di amalgamarsi e asciugare un po'. Tagliare a pezzettini i 200g di pane preso dai 500g mettere in una ciotola grande e versare sopra il latte tiepido. Grattugiare il pane rimasto. Bollire in poca acqua salata le biete e poi tritarle a coltello. 
Macinare nel tritacarne il prosciutto e la mortadella. Tritare anche il porro.
Fondere il burro e soffriggere il porro. Poi unire il prosciutto e la mortadella rosolare qualche minuto poi aggiungere anche le biete. A quel punto il pane con il latte sarà diventato morbido, con le mani sbriciolarlo aggiungervi il soffritto, i formaggi, le uova, le spezie. Mischiare tutto con le mani aggiungendo il pane grattugiato finché avrà una consistenza morbida ma non troppo, aggiustare di sale se occorre. Io ho avanzato un po' di pane grattugiato. 
Coprire con una pellicola e mettere in frigo.
Al mattino preparare la pasta impastando la farina le uova, l'acqua e l'olio fare una palla, coprire con la pellicola e far riposare un po'. Nel frattempo prendere il ripieno e formare dei salsicciotti poco più grandi di un dito. Stendere la pasta che sarà diventata elastica. Io la  divido in pezzi e la passo prima tutta nella trafila più grossa poi la copro con un canovaccio e man mano la riprendo e la passo al 5 della mia macchina ma dipende dalle marche, deve essere sottile ma non troppo diciamo come le tagliatelle. La nonna tagliava la pasta con un bicchiere, io ho usato un coppapasta della stessa misura.
Tagliare la pasta, al centro mettere un pizzicotto di ripieno chiudere bene facendo attenzione a togliere l'aria. Poi con una forchetta passare i bordi chiudendoli ulteriormente cercando di non bucarli altrimenti in cottura si rompono, per questo motivo io uso una forchetta più piccola in plastica. Il tavolo dove sistemare i caronsei deve essere molto infarinato e poi infarinare ancora i ravioli sopra. 
I ritagli man mano li ho coperti con la pellicola ma non si usano più per i ravioli perché la pasta diventa più dura e avrebbero un diverso tempo di cottura.
In una capace pentola bollire i caronsei in acqua salata per circa 5 minuti dalla ripresa del bollore abbassare la fiamma. Scolare con la ramina per non romperli e spolverare con abbondante formaggio grana versate sopra il burro fatto soffriggere con l'aglio e la salvia fino a farlo diventare color nocciola. Eccoli pronti da gustare!!!!!
Sono un po' laboriosi da fare ma ripagano tutta la fatica quando si gustano.
Con queste proporzioni ho ottenuto 194 ravioli che poi ho congelato uno a uno e quando arrivano ospiti sono già pronti, in questo caso vanno messi gelati in pentola e ci vuole un attimo in più di cottura.
Con i ritagli ho fatto i mal tagliati.

Ecco i salsicciotti di ripieno

Si riempiono così 

Così si chiudono

I mal tagliati

Buon appetito !!!!!!!!! 


Ho trovato la foto del 96 di quando facevo i ravioli con Marco, come era piccolo! Ora tante cose sono cambiate, non mi aiuta più a farli ma li mangia ancora volentieri........... Che bei ricordi...............



38 commenti:

  1. Che bella questa ricetta piena di ricordi, che buoni che devono essere i caronsei, appena possibile provo a cimentarmi.
    E che bella la foto del '96 con voi due al lavoro, a pensarci bene.....ero già in Giappone da 3 anni.... mamma mia come passa il tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna grazie, eri già in Giappone ma non ti manca un po' l'Italia ?
      Il tempo non si può fermare purtroppo o per fortuna .........
      Un bacione a presto :D

      Elimina
  2. Mi viene l'acquolina in bocca solo a guardarli, ottimo piatto!
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabry, devi provarli !!!!!!
      Un salutone anche a te :D

      Elimina
  3. Ciao Nadia, grazie x essere passata!! che buona questa pasta ripiena ! poi ottima x riciclare il pane secco! Li proverò sicuramente! magari x il pranzo della domenica!!!
    Ciao Dany :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dany, si può riciclare non solo il pane ma anche gli affettati o l'arrosto avanzato ecc....
      Un bacione :D

      Elimina
  4. Troppo forte la foto con il vestito tutto infarinato che bella che sei!!!
    Immagino che sapore sono questi meravigliosi casoncelli.
    Bravissima un bacione grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pat, con gli anni sono cambiata molto e credo in meglio ( modestamente) ora sono più magra e mi curo un po' di più .......
      Un bacione grande anche a te :D

      Elimina
  5. Ciao Nadia,
    grande lavoro e grande soddisfazione!
    Che bella la foto col tuo aiutante, il mio non era ancora nato...
    Buona serata!

    RispondiElimina
  6. Cara Vittoria grazie , danno un po' di lavoro ma poi quando li mangi ti ripagano.
    Ma adesso il mio non mi aiuta più il tuo invece sì !!!!!
    Anche se un po' matto e' diventato un bravo ragazzo e ne sono orgogliosa !!!!!!
    Un abbraccio :D

    RispondiElimina
  7. anche mia nonna preparava tutto a mano, bei tempi si! saranno ottimi, la sagra deve essere davvero succulenta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Viky,quelli della nonna erano favolosi ma credo che era tutta l'atmosfera che te li faceva gustare di più !!!!
      Un abbraccio:D

      Elimina
  8. Bellissima e buonissima, di grande effetto! Christopher

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Christopher, è un vero onore per me che sei passato !!!!!!
      Un caro saluto :D

      Elimina
  9. ooooh i nostri buonissimi casonsei!!! sei stata bravissima, sembrano quelli del ristorante ;
    io in realtà faccio il ripieno con la carne, ma sono certa che anche così è ottimo!
    un bacione, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Laura grazie , ogni famiglia ha la sua ricetta ......sono sicura che anche i tuoi sono ottimi !!!!!
      Un abbraccio :D

      Elimina
  10. Con le nonne non si riesce quasi mai ad avere una ricetta precisa... più o meno le dosi sono sempre indicative, con l'immancabile nota quando chiedi il peso "lo vedi, ti regoli". Sì, ma in base a cosa?! :-)
    Adesso siamo sempre troppo precisi e tecnologici... forse anche noi dovremmo "andare un po' a occhio" come facevano le nostre nonne.
    Le ricette di famiglia sono sempre una garanzia!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilaria , in questo caso la precisione non conta molto il bello e' propio li ogni volta sono leggermente diversi ....... Ma sempre ottimi !!!!
      Un abbraccio :-)))

      Elimina
  11. uhhhhhhh i casoncelli che belli e che buoni... che voglia di fare una capatina nelle valli bergamasche... un bacione e complimenti per la foto ..che bei ricordi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena , vieni pure ti aspetto ma nelle valli bresciane non bergamasche!!!!!
      Un abbraccio :-))))

      Elimina
    2. Grazie Elena, vieni pure ma nelle valli bresciane non bergamasche !!!!!!!
      Un caro saluto :D

      Elimina
  12. Se davvero il week end il tempo sarà brutto può essere che mi metta anch'io ad impastare!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mila mi raccomando fammi sapere !!!!!
      Un caro saluto :-))))

      Elimina
  13. Un bel ricordo davvero, Nadia! questa pasta mi ha sempre attirato, bisognerà che provi a farli. Gli studenti sono stati "abbastanza" domati, ma la mia voce è stata messa a dura prova!!! Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, la voce tornerà ..........non sarei mai in grado di insegnare li stozzerei al primo giorno !!!!!
      Un caro saluto :D

      Elimina
  14. Buonissimi, le cose fatte in casa sono sempre eccezionali!! se poi abbini i tuoi ricordi ad un piatto, ad una preparazione o ad un profumo, sembrerà di tornare indietro nel tempo... a me fa quest'effetto la sfoglia per le fettuccine e la pasta per la pizza... mi ricordano quando ero piccola piccola ed aiutavo mamma in cucina.... che bello!! il tuo piatto è veramente eccellente, di facile esecuzione e gustoso, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabry , e' vero i ricordi sono potenti e' il bagaglio della nostra vita!!!!!
      Un caro saluto :-)))

      Elimina
  15. Ma che bontààààà, complimentiii sia per la buonissima ricetta che per la foto! Che acquolina mi hai fatto venire....bravissimaaaaa
    Ciaooo e buona giornata
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  16. Ciao Nadia, sono passata in anticipo a leggere la ricetta del prossimo appuntamento con la cucina dei Quanti modi di fare e rifare e devo ammettere che mi sono commossa!!! A vedere la foto in cui prepari i ravioli con il tuo bambino mi si è riempito il cuore di tenerezza!!!
    A presto!

    RispondiElimina
  17. Bellissimi e devono essere molto buoni. Li provo domenica per 2 e poi li farò per tutti. Che meraviglia quella foto, mi divertivo anch'io, prima con i figli e poi con i nipoti. Purtroppo sono tutti grandi, anche loro mangiano volentieri.

    RispondiElimina
  18. Ciao Nadia! spero stavolta di riuscire a partecipare al Quanti del prossimo mese.... i tuoi casoncelli sono davvero spettacolari... se non fosse che oggi sono fuori a pranzo, era magari la volta buona che li facevo... ahahah... mah, magari domenica prossima! :-) PS: la foto col tuo piccolo aiutante è fantastica.... dovresti proporgli di rifarla adesso! :-)
    CIAO!

    RispondiElimina
  19. ma che bella ricetta dei ricordi....e quella foto è un fantastico ricordo!!!
    A prestoooo

    RispondiElimina
  20. Come promesso... oggi la ho fatti!!! Spettacolo! Davvero ottimi... e la farcitura (che ho un pò modificati. .. ma non troppo!) è davvero buonissima! Grazie... ci rileggi amo x il quanti! Bacissimi!!!

    RispondiElimina
  21. Per formaggio stagionato un pò salato cosa intendi? Tu cosa usi di solito insieme al grana? Grazie!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, formaggio tipo silter o Piave o altro formaggio che si riesce a grattugiare se si ha in casa . Ma va bene anche il grana .
      Un caro saluto

      Elimina
  22. questo ripieno è buonissimo... domani si casoncella...se ne rimane! Grazie !

    RispondiElimina
  23. Ciao carissima, purtroppo non riesco aa fare per tempo la tua ricetta, mi si sono rovesciati addosso troppi problemi e non ce l'ho fatta, ma prometto di farli in un altro momento, ti farò sapere, divertiti domani!!!!

    RispondiElimina

Possono interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...